.
Annunci online

undo
Voglio il CTRL Z anche nella vita + PASSIONE ... Mi trovate qui: http://daily.wired.it/blog/codice_aperto/
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


PASSIONE :
Pubblica Amministrazione,
Saperi e
Software liberi,
Innovazione,
Organizzazione, social
Network,
Etica


Condividi



Condividi su Facebook

Free Blogger

    follow me on Twitter


    Wordle: Flavia_Cloud

    My status
    Get Skype and call me for free.



    Profilo Facebook di Flavia Marzano



    Independent Political Blogs - BlogCatalog Blog Directory

    Imagine there's no heaven It's easy if you try No hell below us Above us only sky Imagine all the people Living for today... Imagine there's no countries It isn't hard to do Nothing to kill or die for And no religion too Imagine all the people Living life in peace... You may say I'm a dreamer But I'm not the only one I hope someday you'll join us And the world will be as one Imagine no possessions I wonder if you can No need for greed or hunger A brotherhood of man Imagine all the people Sharing all the world... You may say I'm a dreamer But I'm not the only one I hope someday you'll join us And the world will live as one
    This material is Open Knowledge
    Visita Occasione perduta?






    Se i giovani si organizzano,
    si impadroniscono
    di ogni ramo del sapere
    e lottano con i lavoratori
    e gli oppressi,
    non c'è scampo
    per un vecchio ordine
    fondato sul privilegio
    e sull'ingiustizia.

    Enrico Berlinguer


    Ecco
    dove
    sono
    finiti...



    Link software libero

    Finalmente libero!
    Film seminario Ott.'06-BO
    Film seminario Sett.'07-BO

    Film Liberi di scegliere
    tecnologie libere

    La voce del software libero
    Open Source Blog
    Open Source e usability
    David A. Wheeler
    Il computer è mio e lo gestisco io
    Carlo Piana
    Roberto Galoppini
    Stefano Maffulli

    Intervista OSPA




    Link Civitas & Polis

    Arturo di Corinto
    Democrazia digitale

    eGov4J
    Licenze Creative Commons

    Antonella Beccaria


    Link Associazioni

    UnaRete
    PLIO
    Assoli
    ISDR Il secolo della rete
    ODF Alliance
    Omega


    La frase della settimana:
    "Quegli amici che hai
    e la cui amicizia
    hai messo alla prova,
    aggrappali alla tua anima
    con uncini d'acciaio.»
    - William Shakespeare



    Una coccarda contro
    la pena di morte
    nel mondo:




    Le foto di statue di
    questo blog sono di
    Leonardo Lucchi:
    il mito
    della leggerezza








    Il computer è mio
    e lo gestisco io!

    Liberalizzazione nel campo

    del Software per PC
    Firma la petizione










    Protocollo C3





    Basta! Parlamento pulito

    "presupponendo l'uomo come uomo
    e il suo rapporto col mondo come
    un rapporto umano,
    potrai scambiare amore solo con amore,
    fiducia solo con fiducia.
    Se vuoi godere dell'arte,
    devi essere un uomo artisticamente educato;
    se vuoi esercitare qualche influsso sugli altri uomini,
    devi essere un uomo che agisce sugli altri uomini
    stimolandoli e sollecitandoli realmente.
    Ognuno dei tuoi rapporti con l'uomo e la natura
    dev'essere una manifestazione determinata
    e corrispondente all'oggetto della tua volontà,
    della tua vita individuale nella sua realtà.
    Se tu ami senza suscitare un'amorosa corrispondenza,
    se il tuo amore come amore non produce una corrispondenza d'amore,
    se nella tua manifestazione vitale di uomo amante
    non fai di te stesso un uomo amato,
    il tuo amore è impotente, è un'infelicità".

    Karl Marx







    Creative Commons License
    I contenuti originali
    di questo blog
    sono coperti da una

    Licenza Creative Commons

    Disclaimer
    Questo blog non rappresenta
    una testata giornalistica in
    quanto viene aggiornato senza
    nessuna periodicità.
    Non può pertanto considerarsi
    un prodotto editoriale ai sensi
    della legge n. 62 del 7.03.2001



      Locations of visitors to this page
    http://www.wikio.it


    <


    Ce l'ho e ce la metto, mah...
    P.IVA 01359780507
    POLITICA
    250 million women in the EU. Not a single one good enough?
    3 ottobre 2008
    250 milioni di donne nell’Unione Europea. Nemmeno una è abbastanza competente?

    Nei prossimi 12 mesi,quattro politici saranno nominati come leader dell’Unione Europea.Per cinquant’anni ora,la figura della guida politica Europea è rimasta la stessa. E’ tempo di un cambiamento. I posti internazionali più alti dovrebbero sempre andare al candidato più competente.Ci sono 250 milioni di donne in Europa;non dovrebbe essere troppo difficile trovare un candidato qualificato tra queste.

    Se desideri vedere almeno una donna nominata come leader dell’ Unione Europea,apponi la tua firma qui.



    During the coming 12 months, four politicians will be appointed as leaders of the European Union. For fifty years now, the picture of European political leadership has remained the same. It is time for a change. International top posts should always go to the most competent candidate.
    There are 250 million women in Europe; it should not be too hard to find qualified candidates among all these.
     
    If you wish to see at least one female appointed as leader of the European Union, sign here.






    permalink | inviato da undo il 3/10/2008 alle 18:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    Il papa a Cagliari: in Italia serve...
    7 settembre 2008

    Ho messo in grassetto rosso quanto condivido e spero!

    °°°°

    Il Papa a Cagliari: in Italia serve nuova generazione politica cattolica


    Il Papa a Cagliari: in Italia serve nuova generazione politica cattolica
    CAGLIARI - In Italia serve una "nuova generazione" di politici cattolici, che abbiano "rigore morale" e "competenza". Lo ha affermato Benedetto XVI, durante la messa celebrata oggi a Cagliari ...

    Nell'omelia il Papa ha esortato la Chiesa e i cattolici a tornare a "essere capaci di evangelizzare (ndr: per evangelizzare credo in intendere altro, ma il concetto è giusto) il mondo del lavoro, dell'economia, della politica" che, ha sottolineato, "necessita di una nuova generazione di laici cristiani impegnati, capaci di cercare con competenza e rigore morale soluzioni di sviluppo sostenibile".

    Fonte e resto dell'articolo




    permalink | inviato da undo il 7/9/2008 alle 17:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    POLITICA
    Segnatevi questa prima di andare in vacanza
    1 agosto 2008

    L' abbiamo chiamata "Occasione Perduta? La società dell'informazione e della conoscenza in un paese anormale"

    Perché?

    Perché nel nostro Paese l'innovazione tecnologica è ancora vista come una materia di studio, una technicality da poter smaltire politicamente con alcune amichevoli pacche sulla spalla e non il fattore potenzialmente trainante di una società che, sempre più complessa, articolata, distante, vecchia, non può più fare a meno di un'iniezione di innovazione tecnologica.
     
    Perché tutte le questioni, dalla sicurezza dei cittadini, alla criminalità diffusa, al decentramento delle funzioni, alla perdita del potere d'acquisto, possono avere una prima soluzione nella coraggiosa decisione di investire in nuove tecnologie dell'informazione, nell'ottica di creare un ambiente favorevole allo sviluppo sociale.
     
    Perché non si tratta di dare solo più spazio all'innovazione tecnologica, bensì di definirla come la priorità principale dell'azione politica del futuro, scommettendo su una visione, l'unica che potrà dare sviluppo al nostro Paese.
     
    Saranno presenti tutti i più significativi e operativi attori del mondo dell'innovazione e molti politici; l'obiettivo  è quello di stendere un manifesto per il futuro dell'innovazione e, nel contempo, dare più vigore (e maggiore interrelazione) a tutte le iniziative che molti di noi hanno lanciato in questi anni.
     
    Tre gli argomenti di discussione:
     
    1. Nuove libertà della Società dell'Informazione e della Conoscenza
    2. eGovernment e qualità della vita
    3. Fare impresa nell'era della rete

     
    Da venerdì 17 ottobre 2008 alle 20.00 a domenica 19 ottobre 2008 alle 13.00 presso l'Hotel Granduca di San Giuliano Terme (PI).

    All'organizzazione e alla definizione generale dell'evento, con UnaRete (presidente Paolo Zocchi, segretario generale Flavia Marzano, www.unarete.org) collabora anche IDC Italia (Roberto Masiero, Presidente IDC EMEA , http://www.idc.com/italy/).

     
    Parteciperanno (tra gli altri)
     
    Keynote
    Manuel Castells*, Derrick De Kerckhove, Linda Lanzillotta, Angelo Raffaele Meo, Walter Tocci.
     
    Alberto Abruzzese*, Franco Bassanini, Andrea Bonaccorsi, Sergio Bellucci, Mariella Berra, Antonello Busetto, Marco Calvo, Fiorello Cortiana*, Davide Dozza, Carlo Formenti, Agostino Fragrai, David Gay, Carlo Infante, Ennio Lucarelli, Beatrice Magnolfi, Paola Manacorda, Francesco Marcheschi, Joy Marino, Carlo Maria Medaglia, Carlo Mochi Sismondi, Luciano Modica, Giuliano Murgia, Alessandro Musumeci, Francesco Nachira, Alessandro Osnaghi, Antonio Palmieri*, Marco Pierani, Antonella Giulia Pizzaleo, Francesco Pizzetti*, Gianfranco Prini, Stefano Rodotà*, Floretta Rolleri, Mirella Schaerf, Giovanna Sissa, Renzo Rovaris.

    * da confermare

    Le Associazioni attualmente aderenti

    Altroconsumo, Assinter, Astrid, Cittadinanza Digitale, Collettivo Libero Sapere, Concreta-mente, Co.Pi.Da, Creative Commons, Futuridea, Glocus, Innovatori Europei, ISDR - Il Secolo della Rete, Liber Liber, Libero Sapere, PLIO, UnaRete.
     
    R.S.V.P.

    Per conferma partecipazione
    : occasioneperduta@gmail.com
    Per informazioni e una prima versione del programma: http://occasioneperduta.ning.com


    Nota logistica

     
    Per prenotazioni**:
    Hotel Granduca, San Giuliano Terme (Pisa)
    Via Statale del Brennero, 13 PISA - I - 56017 S. Giuliano Terme
    Tel.: 050 81.41.11
    Fax: 050 81.88.11 - 81.77.82
    E-mail: reception@hotelgranduca.it
     
    **si suggerisce di prenotare per tempo al fine di garantirsi il pernottamento all'Hotel Granduca
     
    Costi:
    Camera doppia uso singola, con colazione a buffet: € 59
    Camera doppia, con colazione a buffet: € 72
     
    Cena venerdì 17: € 23
    Pranzo sabato 18: € 23
    Cena sabato 18: € 23
    Pranzo domenica 19: € 20
    POLITICA
    Non servono parole...
    23 maggio 2008



    permalink | inviato da undo il 23/5/2008 alle 11:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    POLITICA
    dichiarazione dei redditi pubblica!
    1 maggio 2008
    Finalmente niente UNDO!
    Visco ha pubblicato online le dichiarazioni dei redditi, era ora!
    E adesso la gente si lamenta... ma di che?
    Grande Rodotà!

    E Grillo che dice?
    BLEAH!!! Che i grillini pensino bene a con chi hanno a che fare!

    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Visco dichiarazione redditi Rodotà Grillo

    permalink | inviato da undo il 1/5/2008 alle 10:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
    TECNOLOGIE
    In Olanda il sw gratis non richiede gara!
    6 aprile 2008
    Di fatto l'Olanda dichiara che il software gratis NON RICHIEDE GARE e che l'openness di un software può essere considerato un requisito per l'acquisizione del software!

    E se lo facessimo anche noi?

    °°°°°°

    On March 21 2008 programme office NOiV has released the English version of the publication called The acquisition of (open-source) software. This publication details the ways in which governments can acquire software and the role open-source software and open standards can play in that process. This publication promotes a clear and sensible choice of governments with regard to the openness of their software.

    The two main conclusions of this publication are:

    1. Gratis software does not require tendering. The same is true for gratis open source software. This conclusions means that there are to main ways of software acquisition: tendering on one hand and downloading on the other.
    2. Software acquisition has to be focuses on the fulfilment of requirements. Openness however can be a requirement as well. For instance, some software applications might require the source code to be available.

    cover This guide was originally created by the OSOSS programme office. Since January 2008 OSOSS has been succeeded by the programme office Netherlands in Open Connection (NOiV). NOiV facilitates the execution of the action plan Netherlands in Open Connection and is responsible for the translation of this manual into English. Some small corrections were made.

    A paper version of this guide can be ordered by governments (limited supply) by sending an email to Maarten Wijnen-Meijer. The guide is also available digitally (cover: PDF, text: PDF, ODF) under the GNU Free Documentation License.

    Comments and suggestions are very welcome and can be send to maarten.wijnen-meijer@ictu.nl.

    Fonte

    Ho fatto anche questo test...
    31 marzo 2008
    Maflavilda ha colpito ancora...





    permalink | inviato da undo il 31/3/2008 alle 23:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
    Oh... le bambine!
    31 marzo 2008



    permalink | inviato da undo il 31/3/2008 alle 20:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    io sono qui...
    27 marzo 2008
    Io sono qui:



    e voi?
    Provate: http://lesselastic.voisietequi.it/


    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. io sono qui elezioni

    permalink | inviato da undo il 27/3/2008 alle 10:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
    POLITICA
    Votare a ds per votare a sn e viceversa...
    25 marzo 2008
    Tanto gli italiani sono ideologici e affatto laici, quindi non ascolteranno quanto sotto ben chiarito da Gennaro Carotenuto, peccato!

    Io ci provo lo stesso, forse qualcuno ci penserà seriamente...

    °°°°
    Non è per niente sicuro che Silvio Berlusconi ce la faccia. Neanche alla Camera. Ma soprattutto il Senato potrebbe trasformarsi in un incubo per il Popolo delle Libertà. Se gli elettori di centro sinistra sapranno votare in maniera utile il campo per le destre sarà disseminato di mine. Ecco una
    breve guida su come votare a Porcella, la regione del Porcellum!

    Premessa: questo articolo è postideologico. Non prende in considerazione i programmi dei diversi partiti e coalizioni ma prova a dare una risposta semplice ad un'unica domanda: come fare a far prendere meno parlamentari possibile al PDL, a Berlusconi, Bossi e Mussolini?

    Per farla breve le cose al Senato stanno così: Il Porcellum <http://www.gennarocarotenuto.it/1887-come-funziona-il-porcellum-un-ripassino-utile-per-molti> è così brutto e antidemocratico che ci sono casi nei quali un elettore del PD favorisce il proprio partito votando la Sinistra Arcobaleno e viceversa.

    Alla Camera, brevemente, arrivando primo il PD, questo avrebbe una comoda maggioranza del 55% dei seggi, non più condivisa con la sinistra radicale e gli alleati centristi minori (Mastella, Dini...), ma solo con Italia dei Valori. Se il PD non dovesse arrivare primo quella maggioranza toccherebbe a Berlusconi. Alla Camera è pressoché sicuro che solo quattro liste, PD e PDL (più coalizzati), Sinistra Arcobaleno e UDC supereranno il quorum del 4%. Un quinto soggetto, La Destra, dato dai sondaggi intorno al 2%, ha qualche lontanissima possibilità di fare un quorum che vale un trentina dei 290 deputati che toccano a tutte le opposizioni. Ovviamente meglio va La Destra (e l'UDC) più possibilità di vincere ha il PD. Voto di disturbo è invece quello al partito socialista, a Giuliano Ferrara o alle varie listine a sinistra della Sinistra Arcobaleno. Insomma: alla Camera è tutto abbastanza facile e ognuno può prendersi le sue responsabilità.

    I problemi, come tutti sanno, sono al Senato. E qui la rottura delle coalizioni li ha complicati moltissimo. In particolare ci sono due problemi.
    Il primo è che il premio viene attribuito alla prima forza di OGNI regione.
    Il secondo è dato dal fatto che SA e UDC, entrambe date nei sondaggi nazionali appena al di sotto del quorum dell'8% (buono per il Senato) riusciranno a starvi sopra in alcune regione e saranno fuori in altre.
    Quindi per capirci, ci saranno regioni dove la minoranza dei seggi sarà attribuita ad una sola forza, in altre a due, in altre ancora a tre. Un caos.

    Dopo il divorzio tra PDL e UDC, il PD è in vantaggio sicuro in Emilia-Romagna e Toscana ma dovrebbe farcela anche in Umbria, Marche e Basilicata. La partita è aperta con diverse sfumature in Abruzzo, Campania, Sardegna, Calabria, Liguria e Piemonte mentre è sostanzialmente chiusa a
    favore della destra in Lombardia, Veneto, Friuli, Lazio, Puglia e Sicilia.
    Ma se capire chi sarà primo regione per regione non è impossibile e sondaggi vengono proposti ovunque, ben più difficile è capire se SA e UDC faranno il quorum nelle diverse regioni.

    I calcoli possibili sono migliaia, e una delle variabili più nefaste e meno democratica è proprio quella che imbizzarrisce i risultati del Senato a seconda di chi e dove raggiunge un quorum molto alto, posto all'8%. Per capirci, se l'UDC o la SA passano in una regione dal 7.99% all'8.01% o
    viceversa spostano non solo i loro seggi ma anche quelli di altri partiti in maniera sostanziale. In teoria una famiglia di elettori che arriva tardi da una scampagnata potrebbe far scattare o meno il quorum di un partito in una singola regione, spostare così anche una decina di seggi e ribaltare la
    maggioranza nazionale.

    Detto questo ci sono alcuni possibili orientamenti che un elettore "normale" di centrosinistra può recepire pur se con estrema prudenza. In particolare ve n'è una: ognuno deve informarsi sui risultati della propria regione (quelli del 2006, o i sondaggi) per cercare di capire chi arriverà primo tra PD e PDL. Inoltre dovrà capire quante possibilità ha nella propria regione la SA di fare il quorum e frullare come segue questi dati:

    1) Nelle regioni dove il PD prenderà sicuramente più voti del PDL al Senato (le tipiche regioni rosse ma non solo), votare Sinistra Arcobaleno a Palazzo Madama vuol dire sottrarre seggi a Berlusconi. Spiegheremo perché.

    2) Ma attenzione: in tutte le regioni dove si prevede che la SA non arrivi all'8%, votarla vuol dire numericamente favorire SEMPRE Berlusconi.

    3) Nelle regioni dove sicuramente vincerà la PDL, tutto dipende dalle possibilità della SA di superare il quorum regionale. Se voti in una regione dove la SA farà sicuramente il quorum, non ci sono calcoli: potrai votare secondo le tue inclinazioni e i seggi saranno distribuiti proporzionalmente tra PD e SA, entrambi all'opposizione. Se sono regioni dove la SA non arriva
    all'8% si ricade al punto 2.

    Se ti basta questo orientamento puoi smettere di leggere. Da qui in avanti vedremo di capire materialmente come ciò sia possibile.

    Nelle 17 regioni (tutte meno Molise, Valle d'Aosta e Trentino Alto Adige) che attribuiscono un premio di maggioranza (del 55% dei seggi al partito primo arrivato) se due soli partiti superano il quorum questi si spartiscono tutti i seggi, 55% al primo e 45% al secondo. Se a superare il quorum
    saranno più soggetti, la primo partito resterà sempre il 55% mentre il 45% verrà redistribuito con risultati imprevedibili.

    Per capirci, facciamo un caso di scuola. Mettiamo che in una regione inesistente, che chiameremo Porcella, si attribuiscano 100 seggi. In realtà la regione che attribuisce più seggi è la Lombardia con 47, ma Porcella ci semplifica la cose. Dovendo attribuire 100 seggi, e sapendo che al partito
    primo arrivato il Porcellum attribuisce il 55% dei seggi è chiaro che nella Porcella questo prenderebbe esattamente 55 seggi (a meno di non avere più del 55% di voti, ma è un evento poco probabile che non considereremo).

    Facciamo alcuni casi di scuola nei quali elimineremo per semplificare ulteriormente l'UDC:

    1) Porcella è una regione rosa. Vince il PD ma la SA non fa il quorum. In questo caso il PD avrà 55 seggi, il PDL 45 e la SA 0.

    2) Porcella è una regione rossa. Vince il PD e la SA fa il quorum. In questo caso il PD avrà sempre 55 seggi, la PDL (più o meno) 37 e la SA 8. Nota come a parità di rapporti di forza tra i due maggiori il rapporto tra i seggi si stravolga.

    3) Porcella è una regione azzurra. Vince il PDL e la SA fa il quorum. In questo caso il PD avrà circa 37 seggi, il PDL 55 e la SA 8.

    4) Porcella è una regione nera. Vince il PDL ma la SA non fa il quorum. In questo caso il PD avrà 45 seggi, il PDL 55 e la SA nessuno. Occhio, in questo caso vale con l'UDC quello che vale per SA al punto 2. Se la SA non fa il quorum, ma lo fa l'UDC, i voti a SA sottrarrano seggi al PD e
    favoriranno la PDL. Teoricamente al PDL potrebbe perfino convenire far convogliare propri voti superflui sulla SA per amplificare quest'obiettivo.

    E' evidente che il caso più importante è il secondo. Per il PD la presenza di SA in Senato aumenta moltissimo il vantaggio sul PDL. Tornando dai numeri alla terra è quella differenza che regione rossa per regione rossa può (nell'ipotesi che Silvio Berlusconi vinca alla Camera) impedire alle destre di avere un'ampia maggioranza al Senato e governare comodamente per cinque anni. Ma al di là dei calcoli personali, e tutto questo articolo lo dimostra, voteremo con una legge indecente.

    °°°°

    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ideologia laicismo voto

    permalink | inviato da undo il 25/3/2008 alle 9:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    sfoglia
    settembre