.
Annunci online

undo
Voglio il CTRL Z anche nella vita + PASSIONE ... Mi trovate qui: http://daily.wired.it/blog/codice_aperto/
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte


PASSIONE :
Pubblica Amministrazione,
Saperi e
Software liberi,
Innovazione,
Organizzazione, social
Network,
Etica


Condividi



Condividi su Facebook

Free Blogger

    follow me on Twitter


    Wordle: Flavia_Cloud

    My status
    Get Skype and call me for free.



    Profilo Facebook di Flavia Marzano



    Independent Political Blogs - BlogCatalog Blog Directory

    Imagine there's no heaven It's easy if you try No hell below us Above us only sky Imagine all the people Living for today... Imagine there's no countries It isn't hard to do Nothing to kill or die for And no religion too Imagine all the people Living life in peace... You may say I'm a dreamer But I'm not the only one I hope someday you'll join us And the world will be as one Imagine no possessions I wonder if you can No need for greed or hunger A brotherhood of man Imagine all the people Sharing all the world... You may say I'm a dreamer But I'm not the only one I hope someday you'll join us And the world will live as one
    This material is Open Knowledge
    Visita Occasione perduta?






    Se i giovani si organizzano,
    si impadroniscono
    di ogni ramo del sapere
    e lottano con i lavoratori
    e gli oppressi,
    non c'è scampo
    per un vecchio ordine
    fondato sul privilegio
    e sull'ingiustizia.

    Enrico Berlinguer


    Ecco
    dove
    sono
    finiti...



    Link software libero

    Finalmente libero!
    Film seminario Ott.'06-BO
    Film seminario Sett.'07-BO

    Film Liberi di scegliere
    tecnologie libere

    La voce del software libero
    Open Source Blog
    Open Source e usability
    David A. Wheeler
    Il computer è mio e lo gestisco io
    Carlo Piana
    Roberto Galoppini
    Stefano Maffulli

    Intervista OSPA




    Link Civitas & Polis

    Arturo di Corinto
    Democrazia digitale

    eGov4J
    Licenze Creative Commons

    Antonella Beccaria


    Link Associazioni

    UnaRete
    PLIO
    Assoli
    ISDR Il secolo della rete
    ODF Alliance
    Omega


    La frase della settimana:
    "Quegli amici che hai
    e la cui amicizia
    hai messo alla prova,
    aggrappali alla tua anima
    con uncini d'acciaio.»
    - William Shakespeare



    Una coccarda contro
    la pena di morte
    nel mondo:




    Le foto di statue di
    questo blog sono di
    Leonardo Lucchi:
    il mito
    della leggerezza








    Il computer è mio
    e lo gestisco io!

    Liberalizzazione nel campo

    del Software per PC
    Firma la petizione










    Protocollo C3





    Basta! Parlamento pulito

    "presupponendo l'uomo come uomo
    e il suo rapporto col mondo come
    un rapporto umano,
    potrai scambiare amore solo con amore,
    fiducia solo con fiducia.
    Se vuoi godere dell'arte,
    devi essere un uomo artisticamente educato;
    se vuoi esercitare qualche influsso sugli altri uomini,
    devi essere un uomo che agisce sugli altri uomini
    stimolandoli e sollecitandoli realmente.
    Ognuno dei tuoi rapporti con l'uomo e la natura
    dev'essere una manifestazione determinata
    e corrispondente all'oggetto della tua volontà,
    della tua vita individuale nella sua realtà.
    Se tu ami senza suscitare un'amorosa corrispondenza,
    se il tuo amore come amore non produce una corrispondenza d'amore,
    se nella tua manifestazione vitale di uomo amante
    non fai di te stesso un uomo amato,
    il tuo amore è impotente, è un'infelicità".

    Karl Marx







    Creative Commons License
    I contenuti originali
    di questo blog
    sono coperti da una

    Licenza Creative Commons

    Disclaimer
    Questo blog non rappresenta
    una testata giornalistica in
    quanto viene aggiornato senza
    nessuna periodicità.
    Non può pertanto considerarsi
    un prodotto editoriale ai sensi
    della legge n. 62 del 7.03.2001



      Locations of visitors to this page
    http://www.wikio.it


    <


    Ce l'ho e ce la metto, mah...
    P.IVA 01359780507
    Marco De Rossi: giovane, sfigato e del PD
    20 giugno 2010
    Marco scrive e non ci sono altre parole da dire... solo dolorosa consapevolezza di quanto abbia ragione!


    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Marco De Rossi PD

    permalink | inviato da undo il 20/6/2010 alle 7:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    Stato laico? Un sogno in questo Paese!
    31 gennaio 2010

    Legislatura 16º - Disegno di legge N. 1947

    DISEGNO DI LEGGE

    Art. 1.

        1. In considerazione del valore della cultura religiosa, del patrimonio storico del popolo italiano e del contributo dato ai valori del costituzionalismo, come segno del valore e del limite delle costituzioni delle democrazie occidentali, in ogni aula scolastica, con decisione del dirigente scolastico, è affisso un crocifisso.

        2. Se l’affissione del crocifisso è contestata per motivi religiosi o di coscienza dal soggetto che ha diritto all’istruzione, ovvero dai suoi genitori, il dirigente scolastico, sulla base del princìpio di autonomia scolastica, nel rispetto dei princìpi di tutela della privacy e di non discriminazione nonché tenendo conto delle caratteristiche della comunità scolastica, cerca un accordo in tempi brevi, anche attraverso l’esposizione di ulteriori simboli religiosi.
        3. Qualora non venga raggiunto alcun accordo ai sensi del comma 2, nel rispetto dei princìpi di cui al medesimo comma 2, il dirigente scolastico adotta, previo parere del consiglio di circolo o di istituto, una soluzione che operi un giusto contemperamento delle convinzioni religiose e di coscienza di tutti gli alunni della classe coinvolti e che realizzi il più ampio consenso possibile.

    °°°°

    Purtroppo non è uno scherzo, qui trovate il testo scaricabile in pdf.

    POLITICA
    Ombre rosse
    20 dicembre 2008
    Se non sapete di che cosa si tratta, preparatevi a ridere fino a star male, se sapete di che cosa si tratta, preparatevi a piangere fino alla disperazione: finalmente qualcuno con le idee chiare sul PD e il suo "ruolo".
    Persone così meravigliosamente lucide e divertenti come Massimo Gramellini sono la nostra unica speranza!

    °°°°

    Con le dimissioni di Sergio Chiamparino da ministro-ombra delle riforme, rassegnate polemicamente alla luce del sole e amichevolmente rientrate quando già erano calate le tenebre, stava per entrare in crisi il governo-ombra del presidente del Consiglio-ombra Walter Veltroni, altrimenti detto Ombrelloni. Non era mai successo nella storia dell’umanità che un governo-ombra rischiasse di cadere prima del governo vero, e questo conferma la novità del partito democratico, che riesce a prefigurare scenari politici ignorati persino dalle profezie di Nostradamus.

    Di fronte a milioni di italiani amareggiati e attoniti, si andava consumando l’ennesimo dramma nel cuore della Repubblica: che fine avrebbero fatto i decreti-ombra, i convegni-ombra e i sottosegretari-ombra? Ecco, era soprattutto il destino dei sottosegretari-ombra a inquietare gli elettori più avvertiti. I quali ci erano rimasti un po’ male quando il 9 maggio scorso, in un seguitissimo discorso-ombra, il premier-ombra incaricato annunciò la nascita dello Shadow Cabinet. Intanto perché molti di loro non sapevano cosa diavolo volesse dire, anche se a naso intuivano che quel Cabinet non prometteva nulla di buono. Ma quando qualcuno si prese la briga di sottotitolare in italiano le parole del premier-ombra, la scoperta che il suo governo sarebbe stato formato da soli 21 ministri-ombra lasciò la base esterrefatta. Così pochi? Con tutta l’ombra di cui abbiamo bisogno, specie in tempi di effetto-serra? Qualche spiritoso, forse l’ombra di un dalemiano, dichiarò che il governo-ombra c’era solo in Inghilterra, mentre noi siamo latini. Ma gli ombrelloni giustamente risposero: se è per questo anche il Pd c’è solo in America, qui siamo tutti anglosassoni e il socialismo lo lasciamo volentieri a tedeschi e francesi, quindi giùllemani dal governo-ombra!

    Bisogna però riconoscere che seppero porre rimedio all’errore iniziale, aggiungendo ben presto ai ministri-ombra la bellezza di 20 sottosegretari-ombra, di cui ben 4 all’ambiente, forse per formare un pannello solare umano che facesse ombra al ministro-ombra Realacci. Ma gli elettori non erano ancora soddisfatti. E pur di accontentarli, i democratici si sacrificarono a moltiplicare le poltrone, i lettini e pure le sdraio (con ombrellone): di gran carriera furono nominati 2 consiglieri-ombra, 8 coordinatori-ombra e persino un viceministro-ombra, nella persona del mite Cesare Damiano.

    Con il suo scarno equipaggio a bordo, il governo Ombrelloni finalmente prese il largo. Nella calura delle riunioni estive i ministri-ombra si facevano ombra l’un l’altro e c’era gran ressa per accaparrarsi quella di Fassino. I testimoni raccontano che l’aspetto più sensazionale di quelle sedute era che i partecipanti si chiamavano «ministro» fra loro, senza neanche scoppiare in una risata liberatoria.

    La ragione autentica del governo-ombra era di facilitare le redazioni dei talk show nella ricerca di un oppositore da chiamare in trasmissione contro il ministro in carica, ma si arenò davanti allo sgarbo dei registi televisivi, che nei sottopancia continuavano a chiamare Bersani «responsabile economia Pd» anziché «ministro-ombra dell’Economia», comunicando agli elettori un messaggio confuso. Ma mentre il governo-ombra si occupava di questa e altre emergenze, nella periferia meridionale del partito, e magari non solo lì, c’era qualcuno che tramava: nell’ombra. Per fortuna il ritiro delle dimissioni-ombra di Chiamparino tranquillizza i fan di Totò e Rosetta, al secolo Bassolino & Iervolino. Perché se non ci si dimette più neanche dalle poltrone-ombra, figuratevi da quelle vere.

    Fonte



    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ombre rosse PD Gramellini

    permalink | inviato da undo il 20/12/2008 alle 9:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    ...ecco perché
    19 dicembre 2008




    ... e allora se le cercano...



    ma dico io...

    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Unità PD Windows Microsoft

    permalink | inviato da undo il 19/12/2008 alle 13:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
    POLITICA
    Caro Walter, io me ne vado
    23 novembre 2008
    Caro Walter, ti scrivo perché ho deciso di dimettermi dalla Direzione nazionale del Partito democratico. Una scelta non facile che nasce dall’esperienza di quest’ultimo anno e dai dubbi crescenti sulla capacità del Pd di proporsi come forza riformista e innovativa, come aveva annunciato di voler fare un anno fa.

    Il Pd aveva un’obiettivo ambizioso al quale avevo aderito con entusiasmo e che ora faccio fatica a riconoscere in questo partito, in numerosi ambiti. Dalle posizioni ambigue su importanti temi etici e valoriali, alla gestione di processi politici locali e nazionali, ma soprattutto alle posizioni in quegli ambiti più cruciali per la crescita del Paese: istruzione, ricerca e innovazione. Era su questi temi che coltivavo le aspettative maggiori verso il Pd. Ero stata molto delusa dalle politiche del Governo Prodi, ma speravo che con il Pd si aprisse una stagione nuova, fatta di elaborazione di idee e proposte significative. Di fronte alle posizioni del Pd su questi fronti non posso che essere sconcertata. Non ho visto nessuna proposta incisiva, se non “andare contro” la Gelmini. Peraltro tra tutti gli argomenti che si potevano scegliere per incalzare il ministro sono stati scelti i più scontati e deboli. Il mantenimento dei maestri, le proteste contro i tagli, la retorica del precariato, tutte cose che perpetuano l’immagine della scuola come strumento occupazionale. È questa la linea nuova e riformista del Pd? Cavalcare l’Onda non basta. Serve una proposta davvero nuova, che ribalti le attuali logiche di funzionamento della scuola anziché difenderle. Ma non ho visto niente di tutto questo.
    La mia delusione è tanto più forte quando penso alla propaganda fatta un anno fa riguardo all’apertura a idee nuove, quando penso alle molte persone provenienti da ambiti professionali qualificati che si erano avvicinate al progetto del Pd e che avrebbero potuto portare un contributo in termini di idee e innovazione. Che fine hanno fatto queste persone? Quali nuove modalità di coinvolgimento e ricambio ha creato il Partito? Io stessa, che ero stata contattata (così mi era stato detto) per le mie competenze “tecniche”, in un anno di vita del Pd non sono stata consultata mai nemmeno per un parere. Questa emarginazione non ha certo offeso né me né, credo, le altre persone già molto impegnate fuori dalla politica. Mi chiedo però come mai, un anno fa, ci era stata chiesta una collaborazione con tanto apparente entusiasmo quando evidentemente di questa collaborazione non c’era bisogno. Mi chiedo se era necessario fare tanto rumore sul ricambio generazionale quando basta guardare chi sta ancora in cabina di regia per capire che, in fondo, non è cambiato niente.
    Inneggiare al cambiamento, all’idea di una società e di una politica nuove serve a poco se manca il coraggio di intraprendere fino in fondo le azioni necessarie a realizzare queste idee. Sartre diceva che noi siamo quello che facciamo. Sono le nostre azioni che ci definiscono, stare a discutere su ciò che ci piacerebbe essere serve a poco: la gente ci giudicherà per quello che abbiamo fatto. E di quello porteremo la responsabilità. Per quanto mi riguarda non voglio portare la responsabilità delle scelte che sta facendo questo partito che in larga parte non condivido e sulle quali non ho avuto e non ho possibilità di incidere in alcun modo. Per questo ho deciso di dimettermi.

    Irene Tinagli


    Irene Tinagli insegna alla Carnegie Mellon University di Pittsburgh. Allieva di Richard Florida, è esperta di politiche pubbliche per l'innovazione, la creatività e lo sviluppo economico. Lavora come consulente per il Dipartimento Affari Economici e Sociali dell'Onu e per la Commissione europea. Il suo ultimo libro è “Talento da svendere” (Einaudi 2008).

    Fonte

    °°°°°°°

    E io aggiungo, con almeno altrettanta amarezza che ho la sensazione che non capiranno questa tua lettera cara Irene (che condivido in ogni singola parola)! Non capiranno e se per caso dovessero capire, comunque non muoveranno un dito per cambiare qualcosa...

    Qui trovate un video di Irene...

    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd veltroni tinagli

    permalink | inviato da undo il 23/11/2008 alle 19:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
    POLITICA
    maratona, formula uno, Sofri e PD...
    6 ottobre 2008
    Che cosa c'entrano?
    Beh leggetevelo da soli.


    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Sofri formula uno maratona pd

    permalink | inviato da undo il 6/10/2008 alle 20:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
    POLITICA
    errore di sistema...
    6 giugno 2008
    Eh eh eh ... l'UNDO piacerebbe anche a loro, mica solo a me!
    Speriamo che ci riescano...





    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. undo errore di sistema pd

    permalink | inviato da undo il 6/6/2008 alle 12:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
    PISA PER IL FUTURO: peccato!
    31 marzo 2008
    Tecnologie innovative al servizio della città
     
    Giovedì 3 Aprile, ore 21:15, Casa della Città Leopolda
     
    Tavola Rotonda con:
     
    Presiede e Coordina
    Maurizio Bandecchi
     
    Intervengono
     
    Andrea Di Benedetto, Presidente Giovani CNA
     
    Marco Magnarosa, Imprenditore Polo Tecnologico
     
    Andrea Zavanella, Imprenditore ICT
     
    Paolo Lanari, Presidente Consorzio Apice
     
    Luciano Modica, Candidato PD al Senato

    Marco Filippeschi, Candidato a Sindaco di Pisa

    Peccato che nel futuro della nostra città non siano previste donne!
    E dire che all'Università, al CNR, alla Normale, alla S. Anna (addirittura il rettore), tra i candidati PD (ad es. Maria Grazia Gatti, laureata in Scienze dell'Informazione) ... non mancano di sicuro tante donne che si occupano di tecnologie innovative!
    Peccato...

    PS: non sto parlando "pro domo mea"... io sarò felicemente a Roma!

    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd futuro donne innovazione tecnologie

    permalink | inviato da undo il 31/3/2008 alle 14:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
    POLITICA
    ops...
    18 febbraio 2008
    Sono io che sbaglio qualcosa o questo sito http://www.partitodemocratico.it/ con Firefox si vede male?
    Sono io che sbaglio qualcosa o non è accessibile (nel senso della Legge 4/2004)?
    Spero di essere io, spero, spero... ma non ne sono tanto sicura...
    So che c'è chi mi può/sa/deve rispondere... ci conto!

    Poi magari voto PD lo stesso, forse, ma... accidenti dove ce l'hanno la testa?
    In un autobus?



    Lo so non c'entra niente questa foto, ma è una promessa...

    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. open source firefox accessibilità pd

    permalink | inviato da undo il 18/2/2008 alle 23:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
    fiato sul collo ragazzi...
    29 settembre 2007
    L'altro giorno Veltroni (cito da http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2075837) ha insistito sul fatto che è ora di usicre dalla "visione angusta" secondo cui "le parole scambio o condivisione su Internet" evocano "la violazione di copyright, la pirateria, le copie illegali". "Voglio pensare - ha sottolineato - all'aspetto alto della condivisione. La ricerca del profitto non è infatti l'unica motivazione dell'agire umano".
    Il sindaco, che è sembrato a suo agio nel discettare di software libero, citizen journalism, ricerca e Wikipedia, ha voluto concludere sottolineando che "la rete è di tutti ed è diventata un bene comune come l'acqua, l'aria e il mare ma a differenza di questi non è neanche possibile definirne e gestirne i confini territoriali. Non c'é spazio aereo nazionale e non ci sono acque territoriali della rete. Ed è per questo che il governo sovranazionale della rete deve essere un punto irrinunciabile".

    Bene, benissimo... e noi saremo qui a ricordarglielo quando diventerà segretario del PD!


    http://ilgeko.deviantart.com/art/COPIRIGHT-65990981


    http://farm2.static.flickr.com/1169/1396759403_a7304f59ae_m.jpg





    Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. copyright copyleft software libero Veltroni PD

    permalink | inviato da undo il 29/9/2007 alle 19:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
    sfoglia
    maggio        luglio